Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Continuando la navigazione si accetta il loro utilizzo.

Il veliero “Portus Veneris” è la nave ammiraglia della Scuola di Vela Latina e di Antica Marineria e della flotta del Museo delle Imbarcazioni Tradizionali del Porto di Tricase (LE), fondati e gestiti dall'associazione Magna Grecia Mare con la collaborazione della Città di Tricase.

L’imbarcazione, oggi di proprietà della città di Tricase,  è stata affidata all’Associazione per il suo restauro e la sua gestione. È un tipico e tradizionale esemplare di caicco levantino, denominato Tirhandil in Turchia e Trechandiri in Grecia, imbarcazione da pesca e da trasporto che storicamente raggiungeva, dall' oriente, i porti di Puglia e li popolava di pescatori, mercanti e mercanzie, esempio di conoscenze millenarie perfettamente fuse in un'imbarcazione.

Le forme semplici e lineari rispettano un modello costruttivo tramandato per secoli dai maestri d’ascia, che si fa risalire alle antiche navi greche di epoca classica. Con una lunghezza di circa 14 metri, pari a 3 volte la sua larghezza, è caratterizzato dall’avere una prua ed una poppa spiccatamente rialzate e slanciate verso l’alto. La linea della ruota di prua si può inscrivere esattamente in un quarto di cerchio e questa rotondità è la sua principale peculiarità ed elemento caratterizzante.
Con il suo armo a due alberi, a vele latine, è  l'unico esemplare, della sua tipologia, ancora esistente.

Nel 2009, lo Stato Maggiore della Marina Militare Italiana, Ufficio Affari Generali e Relazioni Esterne – 4° Ufficio – Sport / Vela, “per le attività e l'impegno profuso dall'associazione Magna Grecia Mare nella salvaguardia della marineria tradizionale e della pratica con il mare”, ha conferito, alla nave ammiraglia Portus Veneris, l'onore di issare le insegne dello Sport Velico della Marina Militare Italiana.

 

Share this post
FaceBook  Twitter  

Member Access